° MEDIAZIONE IN FAMIGLIA

° MEDIAZIONE IN FAMIGLIA

° MEDIAZIONE IN FAMIGLIA

  • 08/09/2022

Mediazione civile e penale in famiglia

Leggo dal Sole 24 orre dell' 08/09/22 che "in questi giorni, in Senato è avvenuto uno scontro tra il Senatore Pillon (Lega) e altri parlamentari perchè lui ha proposto l'uso della mediazione nelle cause in cui ci sia stata violenza da parte dell'uomo sulla donna o sui minori.

Il decreto esclude l'uso della mediazione, mentre il parere di Pillon si spinge fino a prevedere che il Giudice possa imporla " nel caso in cui nel corso del giudizio ravvisa l'insussistenza della condotta " violenta. Anna Rossando, responsabile giustizia del PD, ha subito sottolineato che questa formulazione "è inaccettabile e in contrasto con la convenzione di Istanbul sulla tutela di donne e minori della violenza" misure destinate a prevalere anche su quelle procedurali italiane..." tuttavia da mediatore desidero raccontare la mia esperienza come mediatore che si è trovato varie volte a discutere vicende delicate in cui in famiglia c'è stata violenza tra marito e moglie o tra genitori e figli.

Premesso che mai questa situazione si dovrebbe verificare e che non accetto i torti subiti da parte dell'uomo sulla donna e i minori, come mediatore rilevo che in tali casi, la mediazione permette un confronto pacato e riservato tra le parti e, sempre, tale confronto è la migliore soluzione per dirimere in maniera pilotata e riservata controversie che il Tribunale e la procedura esasperebbe nei tempi e nelle regole che fanno parte appunto di ogni procedura.

Il mediatore, diversamente dal Giudice che è legato a seguire una procedura per esprimere un proprio giudizio, incontra direttamente le parti come persone e non come fonti di diritto e questo fa sì che con loro lui possa parlare dei loro problemi e dei loro rapporti analizzandolii in maniera diretta e obiettiva senza nessun filtro e senza guardare i diritti ma solo guardando la persona, i loro problemi, i loro rapporti e i loro interessi.

Nello specifico quindi, quando mi sono trovato ad affrontare delle problematiche simili, è stato fondamentale per me l'incontro preliminiare con le parti ed è stato importante vedere che, dopo la mia presentazione della mediazione e dopo che le parti hanno espresso le loro ragioni, sono stato ingaggiato da loro e dai loro legali come professionista capace di seguirli nel tentativo di dirimere la loro controversia.

Le parti e i rispettivi legali infatti, durante l'incontro di presentazione della mediazione hanno potuto valutare la mia persona le mie capacità relazionali e la mia professionalità, e, all'esito dell'incontro, hanno deciso di darmi fiducia, scegliendo di mettendosi in gioco con me in un percorso di mediazione che non si sapeva dove sarebbe andato.

Importanti sono stati poi i successivi confronti congiunti in cui le persone si sono potute confrontare direttamente sulle loro situazioni e il mediatore e i legali hanno potuto vedere le dinamiche di relazione della coppia facendo tesoro di quanto vedevano ed ascoltavano.

Inoltre sono sempre fondamentali anche gli incontri riservati in cui è possibile per la parte eseguire col mediatore analisi riservate e più accurate sulle vicende relazionali delle persone focalizzando i sui problemi, le situazioni di coppia e le ansie e le emozioni che la perona prova nella relazione.

Tutto questo, visto nel tempo e col coinvolgimento emotivo delle parsone, porta le stesse a esprimere le loro preoccupazioni, angoscie e speranze e a dare voce a qualcuno delle loro sofferenze.

Inoltre grazie al fatto che in mediazione che vi è un contraddittorio col partner, i coniugi esprimono anche col linguaggio paraverbale( che è più genuino del verbale) le proprie posizioni e i loro disagi o preoccupazini permettendo al mediatore e ai legali un analisi più accurata della persona.

Tutto questo, nel tempo, si traduce in percorsi di confronto personale e relazionale che porta le parti a chiarirsi e a lvaorare al meglio sulle proprie relazioni reciprche e familiari facendo emergere in loro delle valutazione della loro problematiche e delle scuse che hanno permesso un chiarimento e una rinnovazione peronale e reciproca delle situazioni affettive e familiari.

Ovviamente tutto questo lavoro con le parti non porta a condanne e cause risarcitorie ma porta le parti a cercare soluzioni e nuovi equilibri tra gli affetti e al massimo a delle scuse perchè con la mediazone non si cerca una "Giustizia" ma con la mediazione si cerca una soluzione ad un problema.

Per fare questo, le parti, i professionisti e il mediatore si devono però mettere personalmente e totalmente in goco pertchè tutti sono artefici nella ricerca della migliore soluzione dei problemi e questa non nasce dai tecnicismi ma da altre capacità quali l'empatia, il rispetto, il dialogo, l'ascolto, la fantasia, la pazienza ecc.

Come detto, il percorso di mediazione tra partner o tra parenti è sempre difficile e lungo ma porta sempre a mille sorprese, perchè lle persone sono ricche di valori e se si mettono in gioco a ricercare soluzioni conciliative con la persona cui sono legate è possibile che esse trovino nel tempo tutte quelle soluzioni che possono protare ad un nuovo equilibrio della coppia che sarà indissolubile e concreto perchè il peggior accordo raggiunto dallo sforzo delle parti è sempre meglio della migliore sentenza eseguita da un Giudice terzo che non centra nulla con la vita delle persone!

Cookie

Questo sito web utilizza cookie di terze parti

X - CHIUDI
Questo sito utilizza cookie tecnici anonimi per garantire la navigazione e cookie di terze parti per monitorare il traffico e per offrire servizi aggiuntivi come ad esempio la visualizzazione di video o di sistemi di messaggistica. Senza i cookie di terze parti alcune pagine potrebbero non funzionare correttamente. I cookie di terze parti possono tracciare la tua attività e verranno installati solamente cliccando sul pulsante "Accetta tutti i cookie". Puoi cambiare idea in ogni momento cliccando sul link "Cookie" presente in ogni pagina in basso a sinistra. Cliccando su uno dei due pulsanti dichiari di aver preso visione dell'informativa sulla privacy e di accettarne le condizioni.
Maggiori informazioni